Sala Juvarra, Comune di Torino

Ecco alcune informazioni sulla storica Sala Juvarra, dove si celebrano matrimoni con rito civile a Torino.

“Nel 1720, su progetto di Filippo Juvarra, viene aperto il cantiere che si affaccia sulla direttrice che dai Quartieri Militari (due edifici simmetrici adibiti a caserme costruiti dallo stesso Juvarra, situati in corso Palestro angolo via del Carmine) permette di raggiungere il Palazzo di Città, per la realizzazione di un edificio destinato ad ospitare le Magistrature del Senato e la Camera dei Conti.

Per l’apertura del cantiere vengono demolite preesistenze medioevali; la parte edificata da Juvarra occupa la porzione sud-orientale del lotto.

Nel cantiere, tra le molte interruzioni, si succedono Benedetto Alfieri (1740), Giovambattista Feroggio (1788)e Ignazio Michela (1830-1838).

Nonostante le discontinue fasi di costruzione, lo stile architettonico usato risente delle radici settecentesche, aprendosi, tuttavia, a riferimenti neoclassici già presenti in Piemonte dalla metà del XVIII secolo.

Sede del Senato sabaudo e della Regia Camera dei Conti nel secolo scorso, l’edificio presenta il fronte caratterizzato da un pronao tetrastilo addossato alla muratura con semicolonne corinzie e doppio ordine di finestre. L’ordine gigante della facciata si imposta sopra un alto basamento.

Attualmente il palazzo è sede di uffici giudiziari, e fino a pochi anni fa ha ospitato il Palazzo di Giustizia di Torino, ora trasferito nella “cittadella giudiziaria” in corso Vittorio Emanuele II”

(Fonte: Visitatorino.com)