Trofarello

Qualche informazione sul comune di Trofarello:

La documentazione si apre nel 1209 con Trofarellus. Nella ricerca della etimologia non ci si può allontanare dal verbo truffare: il toponimo rientrerebbe in quella serie di nomi di luogo che si riferiscono ad attivita’ truffaldine o brigantesche (per es. Robassomero), spesso favorite dalla posizione isolata dell’insediamento.
La presenza dei Celtici in questo territorio è attestata dal rinvenimento di asce, fibule e altri oggetti. Che sia stato abitato dai Romani è provato dal ritrovamento di tombe e da fondamenta di loro costruzione. Nell’alto medioevo la popolazione prevalente deve essere stata longobarda, più precisamente Arimanna. Successivamente la sua storia è accomunata a quella di Celle, borgo ora scomparso. Con la distruzione di Celle ad opera di Federico Barbarossa, il territorio e gli abitanti si divisero in tre parti; quelli dalla parte di Revigliasco furono assorbiti dalla medesima Villa e Castello, quelli dalla parte di Testona formarono il borgo di Moriondo, i rimanenti, rifugiatisi presso il castello dei Vagnoni, formarono la villa di Truffarello. Fin dal sec. XI Truffarello fu dei Vagnoni; verso il 1256 lo aggregarono al comune di Chieri, mantenendo però il feudo. Il paese seguì successivamente le vicende dei Savoia, rimanendo di conseguenza coinvolto e danneggiato da numerose guerre.

(Fonte: Porter.it)