Valfenera, Asti

Valfenera, sei umil paesello
mille volte al cospetto del mondo,
ma per me tu sei caro e sei bello
mille volte più di ogni altra città.

Cominciava così una filastrocca ottocentesca che cantava i fasti del nostro paese, centro rurale di villeggiatura apprezzato per l’eleganza dei suoi edifici, per il clima salubre ed i rapporti umani autentici. “Questa nostra provincia astigiana – scrisse Giacinto Grassi – ha presentato e presenta ancora oggi indubbi vantaggi sui grandi centri, per quel suo clima meno spersonalizzato e per i rapporti umani, che sono rimasti alla misura d’uomo: abitudini di conoscenza e di amicizia, modo conversevole e familiare delle relazioni interpersonali, un’attività meno febbrile e frenetica che nei grandi centri”.
Il turista ed il cittadino più attento potranno scoprire l’enorme ricchezza di questo territorio, la profondità ancestrale di un legame vivo e diretto dei suoi abitanti con la campagna: una storia fatta di fatiche, di emozioni e di fede, che una certa severa riservatezza piemontese spesso nasconde e rende quindi più preziosa per quanti la sapranno riscoprire e rivivere.

(Fonte: sito del Comune)