Vicoforte

Ecco le nostre gallery di foto scattate a Vicoforte, e qualche informazione.

Vicoforte (m 598, ab. 2689) è un grazioso paese allungato sopra un poggio. Il paesaggio collinare che caratterizza il territorio di Vicoforte costituisce l’elemento di raccordo fra l’arco delle Alpi Marittime a sud e la pianura a ovest e a nord. L’antico borgo, arroccato sulla sommità della collina, già Vicus (villaggio) romano, conserva ancora oggi le vestigia medievali della torre merlata del castello edificata in posizione strategica a dominio dell’abitato di Vicoforte.
Il castello, di cui la torre faceva parte, risale al XI secolo; lo possedevano in feudo i signori di Vico che concorsero a fondare la città di Mondovì. Nel 1419 venne conquistato da Amedeo di Savoia e durante le guerre franco-spagnole fu occupato dai francesi e fatto restaurare dal governatore Pietro Vagnone. Nel 1545 la fortificazione fu completamente smantellata per ordine del luogotenente del re di Francia.
Il piccolo borgo attorno al santuario, Santuario di Vicoforte (m. 512) è situato ai piedi dell’altura su cui si allunga Vicoforte. Polo della composizione urbanistica è la piazza Carlo Emanuele I, antistante il santuario, attorno al quale si sviluppa una bassa linea di fabbricati, a pianta semi-ottagonale, detta “palazzata”, disegnata da Ascanio Vitozzi (iniziata nel XVII secolo e completata nel XVIII e XIX) e utilizzata inizialmente come alloggio dei pellegrini. Il Santuario Regina Montis Regalis, iniziato nel 1596 da Ascanio Vitozzi, fu coronato nel 1733 dalla cupola ellittica dall’architetto Francesco Gallo. Gallo arma, costruisce e colloca sul Santuario di Vicoforte una cupola lunga 37,15 metri e larga 24,90 che può rivaleggiare per dimensioni con quelle presenti in altri paesi europei. Il Santuario viene dichiarato nel 1881 monumento nazionale, a sancire che anche un piccolo paese delle Langhe monregalesi a volte può rivaleggiare con le grandi capitali.

(Fonte: Piemonteitalia.eu)