Ritratti Reali: la Palazzina di Caccia di Stupinigi

Eccoci in uno scenario elegantissimo per fotografie di matrimonio!

Dopo aver curiosato nella Reggia di Venaria, eccoci in un’altra grande residenza reale a Torino: la Palazzina di Caccia di Stupinigi.

È un luogo che conosco molto bene. Alcune mostre d’arte, qualche gita in bici, un po’ di running fuori dal centro… è frequente transitare da qui per svariati motivi. E tutte le volte è impossibile non essere attratti dal colpo d’occhio che regala.

Da qualche anno passo da queste parti anche per scattare foto a tante coppie che amano essere ritratte qui nel loro grande giorno. È una location che offre al fotografo infiniti stimoli, è raro trovarsi a fare foto uguali ad altre già scattate in precedenza.

katiuscia-daniele-vecchio-castagno-cocconato-dasti-31

Katiuscia & Daniele – Foto di Martina Muscarello

 

Dopo aver “spiato dalla serratura” Katiuscia e Daniele iniziamo a scoprire tutta la bellezza di questi luoghi…

Prima di tutto, la cerimonia

Per cominciare, è giusto parlare del Podere Mauriziano, cascina che sta di fronte alla Palazzina. Qui è frequente che le coppie decidano di organizzare la cerimonia di matrimonio. A 10 km esatti dal centro di Torino (Piazza Castello), lo sguardo si apre sui campi e sulle montagne, siamo improvvisamente in piena campagna!

andrea-simone-tenuta-berroni-29

Andrea & Simone – Foto di Davide Longo

 

L’Ordine Mauriziano è l’ente governativo che si occupa della conservazione e valorizzazione dell’edificio. La ristrutturazione di buona parte di questi cascinali settecenteschi li ha riportati al fascino originario, con il soffitto in cassettoni e la pavimentazione dell’epoca.

Queste cascine sono bei luoghi anche per ritratti in luoghi più “rustici” e intimi rispetto alle residenze reali…

fotografo matrimonio cascine stupinigi

Eleonora & Fabio – Foto di Alberto Chiariglione

 

Entriamo dentro la Palazzina di Caccia…

Questo stupefacente complesso è stato progettato da Filippo Juvarra e costruito nel XVIII Secolo. Utilizzato dalla dinastia sabauda per le battute di caccia e per l’organizzazione di eventi, matrimoni e feste di gala, è diventato nel secolo successivo residenza di Napoleone Bonaparte. Tornato poi ai proprietari, è diventato residenza della Regina Margherita di Savoia. Insomma, una serie di inquilini niente male!

Niente male anche Andrea e Simone, gli inquilini in una bellissima domenica estiva…

andrea-simone-tenuta-berroni-34

Andrea & Simone – Foto di Davide Longo

 

La luce del sole esalta queste sale soprattutto nel pomeriggio: siamo arrivati al momento giusto per approfittare dei giochi di luce che vengono a crearsi naturalmente.

Si può entrare nelle sale? Sì: alla Reception all’ingresso potete concordare tutte le tempistiche e modalità.

Per Andrea e Simone c’è ancora occasione di un’ultima foto all’interno, nel Salone Centrale, assieme ai testimoni!

andrea-simone-tenuta-berroni-32

Andrea & Simone – Foto di Davide Longo

 

…E usciamo a goderci il parco!

Dopo un lungo restauro, la Palazzina di Caccia è ora Patrimonio Unesco, ed è tra le mete più gettonate del turismo straniero che da qualche anno a Torino sta aumentando sempre di più.

Mentre Giulia e Marco si danno un bacio, noi ci godiamo la bellissima prospettiva dell’edificio. Sulla cupola centrale, l’occhio più allenato individuerà la statua del cervo, ottimo auspicio per le battute di caccia del Re.

giulia-marco-tenuta-la-michelina-pinerolo-34

Giulia & Marco – Foto di Davide Dusnasco

 

Ci troviamo in un luogo di grande fascino ed eleganza, e come vedete, è perfetto per i nostri ritratti e shooting fotografici.

Affidatevi completamente al vostro fotografo, perché potrebbero venirgli in mente belle idee fuori dall’ordinario. Per esempio: una “citazione” di un grande fotografo del passato, Elliot Erwitt, per spiare nello specchietto retrovisore il bacio di Francesca e Stefano!

matrimonio stupinigi elliot erwitt

Francesca & Stefano – Foto di Davide Dusnasco

 

Dopo questo ultimo bacio, gli sposi accendono il motore e volano via verso il ricevimento. Vi salutiamo anche noi… Sicuramente torneremo presto qui!

Lascia un commento